Pietro Mancuso
17 November 2020
Wowe
16 November 2020
 

Valerius


Una breve biografia

Valerio De Marchi, in arte Valerius, è nato a Conegliano Veneto nel 1941, vive e lavora a Pieve di Soligo, immerso tra i suoi bronzi patinati e felicemente accompagnato dalle bellissime perfezioni femminili che sono il frutto di anni di lavoro. Ama sottolineare di essere un autodidatta e di avere frequentato, fin da ragazzo, il conterraneo Carlo Conte, non esitò, comunque, a studiare anche altri protagonisti della scultura italiana e vicini al suo sentire, come Arturo Martini e Francesco Messina.

L'artista deriva dalla scultura classica i principi della perfezione che declina alla rappresentazione del corpo femminile, soggetto tramite il quale attua la propria ricerca della purezza della linea. Utilizzando il gesso e materiali più recenti, Valerius modella secondo l’antica tradizione le sue donne che vengono, successivamente, tradotte in bronzi.

Nella sua produzione le figure portano nomi che rimandano ad etimologie espresse da significati profondi; alcune volte si è confrontato col mito, sempre interpretato con uno stretto legame alla modernità. Altro grande ambito della sua opera è quello della ritrattistica, che ha sempre avuto, per lui, una pura valenza privata, allineandosi anche in questo carattere alla tradizione antica.

Continua la propria ricerca artistica da quasi 50 anni: per lui l’arte è l’espressione più intensa dell’eternità.


Finchè non torneranno gli Dei

MARIO GUDERZO

Quale riflessione produrre, allora, su Valerio DeMarchi, anch’egli tutto emozione e sensualità? Di primo acchito si percepisce subito che è un artista solitario e tormentato, difensore perinde ac cadaver della “verità”, totalmente al di fuori delle condiscendenze della committenza o delle espressività della contemporaneità. Volutamente lontano anche da un maestro dell’ultimo Ottocento quale fu Rodin, nel momento in cui si cimenta con il “non finito”, ma meno critico verso le opere del francese realizzate a tutto tondo. Valerius procede col suo linguaggio espressivo verso il processo vero della scultura, tesa a rappresentare la realtà, capace di condividere i turbamenti e la passione, mai appagata dal risultato.


Valerio DeMarchi, in arte Valerius, è uno scultore puro, interprete di una figuratività sognante e piena di fascino. Il tema fondamentale dell’artista è la donna, letta e rappresentata come una figura primigenia, portatrice di valori al di là del tempo e dello spazio.

Paolo Levi

È la ricerca della verità interiore che è sinonimo di bellezza, del sentimento e dell’emozione che lo scultore racchiude nella materia. Materia che viene modellata senza alcuna concessione alla ritrattistica o al realismo, ma palpita nelle sue mani e concretizza l’idea.

Federica Louser

Sfoglia la gallery
ART & MORE

I nostri artisti

  • Date
    16 November 2020
    FOTOGRAFO
    Le fotografie di Wowe ritraggono sia celebrità che persone comuni: ciò che gli interessa è presentare l’intera esistenza del soggetto. Priva di tragicità, la sua opera emana una generale positività che trasmette l’amore per l’esistenza e la fiducia nella forza creativa del genere umano.
  • Date
    17 November 2020
    PITTORE E SCULTORE
    Protagonista delle sue opere è l’onirico, inteso come il racconto di atmosfere tra il sonno e la veglia. Nelle tonalità e nelle imprevedibili scenografie dei suoi dipinti si ritrova l’esperienza veneta, a cui ha unito la tradizione metafisica e surreale derivata dalla formazione nelle Fiandre.
  • Date
    17 November 2020
    SCULTORE
    Scultore che predilige la rappresentazione del nudo con chiare ascendenze classiche nella fusione in bronzo. Le sue donne, dalle linee sinuose e dai nomi mitologici, si avvicinano alla realtà in punta di piedi. L’artista intende la propria scultura come mezzo per raffinare lo sguardo e lo spirito.
  • Date
    17 November 2020
    PITTORE
    Protagonista veronese della pittura novecentesca, partecipò alla Biennale di Venezia del 1950. Le sue tele ritraggono con affetto la quotidianità di una vita, ma in modo affatto esclusivo: con la luce comunica i segreti della propria città e delle dinamiche familiari, in cui ogni spettatore può rivedersi.
  • Date
    16 November 2020
    PITTORE
    Pittore informale che si concentra sulla rappresentazione della natura e dei suoi fenomeni. Anche attraverso la tecnica del dripping, partendo dall’astratto propone un’iconografia del paesaggio a larghe visioni totalizzanti, ricordando quanto la natura possa essere imprevedibile.